Visioni Solidali, martedì l’ultima serata

Saranno proiettati i documentari “Drop-in” e “Articolo 21” di Michele Gagliani. L'evento comprenderà un dibattito e il buffet solidale

 


Sassari. Chiude martedì sera l’ottava edizione della rassegna “Visioni Solidali”. Nel cortile di Palazzo Ducale saranno proiettati i documentari “Drop in” e “Articolo 21” di Michele Gagliani, proposti da Andalas de Amistade. La proiezione, a ingresso gratuito, avrà luogo alle 21 nel cortile di Palazzo Ducale ma sarà preceduta, alle 19, dall’estrazione dei biglietti vincenti della lotteria organizzata da Ponti non muri e, alle 20, dal buffet solidale di raccolta fondi proposto da “Associazioni al cinema” (Amnesty International, Andalas de Amistade, Crew, Emergency, Mondo X, Movimento Omosessuale Sardo, noiDonne 2005, Ponti non muri e Zoe).
Andalas de Amistade, sentieri di amicizia, è un consorzio di cooperative sociali nato nel 2005 con la finalità di contribuire a migliorare la qualità della vita delle persone più fragili. Tra i progetti realizzati quello di inclusione socio lavorativa allo Stagno di Platamona e il Drop-in.
In “Drop-in” protagonisti i racconti degli ospiti dell’omonimo servizio, un luogo dedica­to a dare sollievo a chi vive in strada in situazioni di estrema povertà; in “Articolo 21” l’esperienza di riscatto sociale di alcuni detenuti che attraverso il lavoro e le relazio­ni solidali vivono un significativo percorso di inclusione sociale. Seguirà dibattito con Mario Dossoni (Garante dei Detenuti, Casa Circondariale di Bancali), Agostino Loriga (psicologo, Andalas de Amistade) e i beneficiari dei progetti di inclusione sociale.

Il ricavato della vendita dei biglietti della lotteria organizzata da Ponti non muri servirà a finanziare il progetto “Lo sport: un ponte fra Sardegna e Palestina” (informazioni su acquisto dei biglietti, premi e regolamento sono disponibili sulla pagina Facebook: Ponti non muri).

Il buffet solidale è il modo in cui il coordinamento di “Associazioni al cinema” sceglie di salutare il pubblico e dare appuntamento all’edizione successiva: le pietanze, preparate dai volontari e dalle volontarie delle varie associazioni con un’attenzione particolare alla provenienza e genuinità degli ingredienti, saranno proposte al pubblico a partire dalle ore 20: il ticket per la consumazione ha il costo di 5 euro che aiuteranno le associazioni a portare avanti i rispettivi progetti. Del menù faranno parte anche i dolci tradizionali sardi “Sos guelfos”, preparati sempre dalle volontarie e dalle volontari, al costo di 1 euro l’uno: il ricavato della vendita dei dolci sarà devoluto a favore di “1000 per una casa”, un’iniziativa collettiva per sostenere una famiglia in grave disagio abitativo che risiede nel quartiere del Sacro Cuore a Sassari.

Facebook